Complesso di Giona: perché abbiamo paura delle nostre capacità?

Hai sognato di diventare un presidente durante l’infanzia? O un famoso scrittore? Ottieni Oscar, il premio Nobel o sia quello che è chiamato il leader dell’opinione? Oggi, quelle ambizioni ti sembrano divertenti, ingenui, divorziate dalla realtà? Ma lo psicologo Abraham Maslow ha visto nel rifiuto di obiettivi elevati … Paura di rendersi conto di se stesso. Paura del meglio in te stesso. Da dove viene in noi?

Tutte le persone sono nate con un potenziale illimitato, ha affermato Abraham Maslow. Solo per qualche motivo, alcuni riescono a realizzare le loro capacità e diventare quelli che possono essere. Lo psicologo vede uno dei motivi nei sentimenti contrastanti che sperimentiamo in relazione alla nostra crescita: qui non è solo gioia

, entusiasmo, ispirazione, ma anche incertezza, paura, impotenza.

Queste esperienze ambivalenti, seguite dalla “paura della sua stessa grandezza”, chiama Maslow il “complesso di ioni”, usando la storia di Giona dell’Antico Testamento per illustrare.

Secondo la Bibbia, il profeta Jonah cercò di confrontarsi con la chiamata del Signore per adempiere alla sua grande missione: “E c’era una parola del Signore a Giona: alzati, vai a Ninive, alla Grande Città e predicare in essa”. Ma Giona ha cercato di fuggire sulla nave “sulla faccia del Signore”.

“Molti di noi stanno sfuggendo alla causa (chiamate, destino, vita, missione), a cui siamo predisposti costituzionalmente”, scrive Maslow nel libro “New Frontiers of Human Nature” 1 . – Spesso stiamo correndo dalla responsabilità che la natura, il destino e talvolta il caso, proprio come ci provava Iona – è invano – allontanati dal suo destino ..

Abbiamo paura delle nostre più alte capacità (come quelle inferiori). Di solito abbiamo paura di diventare ciò che appariamo nei nostri punti migliori, nelle condizioni più favorevoli, mostrando il più grande coraggio. Siamo lieti e persino in soggezione delle opportunità divine che troviamo in noi stessi in tali momenti di picco – ma allo stesso tempo rabbrividiamo dalla debolezza e dalla paura di fronte alle stesse possibilità “.

Visualizza dall’esterno

Il complesso di Jonah si manifesta ovunque – sia nella sfera professionale, sia nel campo delle partnership e persino nella vita di tutti i giorni – ovunque facciano una scelta e setiamo obiettivi. Alcuni di noi si rifiutano di fare un coglione di carriera: hanno paura che saranno considerati avviati e persone potenti.

Altri improvvisamente capiscono che, avendo iniziato qualcosa di larga scala, significativo, attireranno troppa attenzione su se stessi, e dopo non solo incoraggiamento, ma anche condanna e opposizione. E invece di attività scelgono la falsa umiltà, immergendosi in piccoli affari di routine.

Da un lato, ammiriamo coloro che creano una famiglia forte, investe con entusiasmo in queste relazioni e poi gode di fidarsi della comunicazione con i bambini, la vicinanza emotiva e sessuale con un partner. Apprezziamo i successi di coloro che sono testardi nella loro attività, inventano, sviluppando nuovi programmi/ruoli/progetti. Siamo osservati con entusiasmo da nature creative che sono in grado di convertire lo spazio intorno a noi, equipaggiare magnificamente una casa, un giardino o persino un microdistretto.

Ma se noi stessi non siamo tra queste persone, allora, molto probabilmente, insieme all’ammirazione, proveremo sentimenti contrastanti, qualcosa di vicino a invidia, confusione, odio per noi stessi e/altri. Cercheremo di ridurre il disagio, pensando che tali personalità creative / coppie felici / professionisti di successo nella loro attività siano una rarità, eccezione. Oppure possiamo inventare la storia che stanno fingendo e in realtà non sono affatto felici.

Eppure, da qualche parte profondamente dentro di noi, la consapevolezza che abbiamo anche una vita potenziale enorme, ma per qualche ragione si sono rifiutati di usarlo. Per qualche ragione hanno deciso di sottovalutare il loro bar. Perché abbiamo così paura delle nostre capacità? Non ci sentiamo degni? Non vogliamo lavorare così duramente?

Paura del successo

“Paura della grandezza”, secondo Maslow, può essere correlato in una profonda psicologia con la paura del successo, che ha ragioni diverse “, afferma l’analista jungian Lev Hegai. – È collegato alle paure per portare critiche, invidia o persino persecuzione. Questo motivo è particolarmente pronunciato in ansioso e sensibile al rifiuto delle persone.

Persone inclini alla depressione, Hanno paura di deludere o danneggiare il loro successo a coloro che sono cari a loro. Cioè, sono tormentati dalla colpa prima degli altri.

Personalità narcisistiche, Da un lato, evitano di destabilizzare il sovraeccitazione dalle fantasie sulla loro grandezza e, dall’altra parte, non vogliono dare un’espansione narcisistica ai loro genitori – in modo che non prendano i loro successi, attribuendo a se stessi.

Incline alla rivalità Hanno paura di uccidere il padre (madre) o il fratello (sorella), nella competizione con cui sono inconsciamente fissati.

Perfezionisti smette di richieste eccessive su se stessa.

Coloro che vivono con un’auto -consapevolezza della vittima, Catuvenness ti permette di sentirti come una persona, degna di compassione e accusare gli altri di crudeltà “.

Qualsiasi scenario simile significa una scelta subconscia per non diventare un adulto, il rifiuto di compiti che implicano consapevolezza e responsabilità, la capacità di far fronte a sentimenti più forti, energie.

Pertanto, se la paura del successo è diventata un serio ostacolo nella vita in cui una persona stessa non è in grado di controllare, allora dobbiamo lavorare con uno psicologo. Solo il “disarmo” del complesso può indebolire i sintomi da esso.

Trả lời

Email của bạn sẽ không được hiển thị công khai. Các trường bắt buộc được đánh dấu *